fbpx
  • 0 Items - 0.00
    • No products in the cart.

Open Access. Contenuti Creative Commons

La nostra area Open Access è dedicata ai contenuti che i nostri autori e le nostre autrici desiderano condividere con tutti i lettori e le lettrici del web in modo libero e gratuito.
Tutti i contenuti sono distribuiti in licenza Creative Commons: significa che possono essere letti e condivisi citando l’autore/autrice, ma non è possibile modificarli né venderli.
Questi contenuti, di grande valore, che hanno richiesto tempo ed energie agli autori/autrici, e anche a noi di WriteUp, sono un regalo alla volontà di conoscere e di informarsi, e uno stimolo alla condivisione.
Fanne buon uso, e se ti piace questo nuovo modo di far circolare le idee, scrivici a redazione@writeupbooks.com.

Democrazia diretta
UN MITO?

Cosa significa “democrazia diretta”? Una domanda a cui Piero Flecchia cerca di rispondere nella forma di lettera aperta ad uno dei protagonisti più controversi della vita del nostro Paese degli ultimi dieci anni: Beppe Grillo. Provocandolo, rampognandolo, e ricordandogli alcuni passaggi della storia politica occidentale degli ultimi… 2500 anni, l’autore cerca di mettere in luce il percorso filosofico che oggi, nel 2020, fa chiedere a tanti a gran voce: “democrazia diretta”. Già, democrazia diretta. Siamo sicuri di sapere a cosa si riferisce veramente?

Piero Flecchia (Torino 1938), di tradizione famigliare d’ambito azionista socialdemocratico, si è formato sugli scritti dei fratelli Rosselli e di Piero Martinetti. Per l’esperienza politica personale della temperie sessantottesca, ha concentrato la propria riflessione, e quindi la scrittura, sui processi di degenerazione oligarchica autoritaria della lotta politica. I suoi scritti sono stati favorevolmente recensiti e presentati, tra gli altri, da Franco Fortini, Geno Pampaloni, Enrico Filippini, Angelo Jacomuzzi. Redattore di “an.archos”, direttore editoriale de ‘La Salamandra’, ha collaborato a varie testate, tra le quali il quotidiano socialista “L’Avanti”, il mensile “A rivista anarchica”. Ha al suo attivo già tre pamphlet: La cultura della viltà (Milano 1978), Italia quale rivoluzione nel codice della politica (Firenze 1994), Da Mussolini a Berlusconi la legittimazione del potere demagogico nell’Italia del xx secolo (Milano 2011).

Il pamphlet è un genere letterario che ha origine nella Francia del XVIII sec.: un piccolo testo, a volte un solo foglio di giornale, stampato molto spesso dall’autore, per diffondere le proprie idee politiche, le proprie opinioni, e attaccare i potenti.  Nell’Inghilterra della Rivoluzione Industriale Addison e Steele, rispettivamente dalle colonne dello Spectator o del Tatler, ospitavano brevi componimenti in prosa, dal sapore fortemente caustico e satirico, contro le difficili condizioni economiche e sociali del nuovo proletariato, in nome della libertà di pensiero, del progresso e di una società migliore. In Italia, lo stile moderno e graffiante dei quotidiani inglesi fu di ispirazione a Il Caffè dei fratelli Verri, edito in Milano.