• 0 Items - 0.00
    • No products in the cart.

Modelli e caratteri dell’ispanismo italiano

Share

Modelli e Caratteri dell’Ispanismo Italiano ricerca la peculiarità di una grande tradizione di studi. L’Ispanismo italiano è componente della cultura del Novecento, per le sue implicazioni nazionali e la sua proiezione internazionale. Tuttaviaesso appare come in ombra, collocato all’interno di una visione italiana che vuole la cultura spagnola relegata in una sorta di archetipo introiettato ma non esplicitato, oppure capro espiatorio di una leggenda nera non del tutto sommersa del progresso delle ricerche. Parimenti la tradizione italiana di studi ispanici nel contesto dell’ispanismo internazionale pare come mancare di una sua identità facilmente individuabile. I romantici tedeschi, i vittoriani inglesi, i positivisti francesi hanno elaborato un’idea compatta e originale della cultura spagnola, magari per poi sottoporla a revisione. Diversamente la cultura italiana non è parsa disponibile alla costruzione di un modello univoco, o di una mitografia originaria. Tuttavia, sulla scia di Croce, della sua ispanofilia come della sua ispanofobia, è andata delineandosi una linea che malgrado la sua apparente non omogeneità è oggi al centro dell’interesse degli studiosi di tutto il mondo: in essa si intravede in filigrana l’affermazione dei maggiori scrittori spagnoli come dei classici moderni. Nel compiere questo percorso, l’ispanismo Italiano ha raggiunto un prestigio dovuto a singole personalità, solo più raramente a scuole e gruppi. Si distingue e si riconosce grazie ad alcune figure singolari: Oreste Macrì, Carmelo Samonà, Lore Terracini, Franco Meregalli. E tanti altri, protagonisti di questo libro che l’autore vorrebbe si leggesse come un racconto.