fbpx
  • 0 Items - 0.00
    • No products in the cart.

25.00 Iva inclusa

Adam, l’uomo nel Terzo Testamento. Dal primo uomo all’homo islamicus. Letture coraniche III

E’ facile constatare come siano ancora troppe le persone, anche tra gli intellettuali, a digiuno persino di nozioni elementari concernenti l’Islam, il suo Profeta e il suo libro sacro per eccellenza, il Corano. Questo antico testo brulica letteralmente di personaggi biblici, dai grandi profeti di Israele sino a Giovanni Battista e Gesù. Adamo è un’altra figura biblica riciclata nel Corano in modalità piuttosto originali: peccatore sì, ma il suo peccato non ricade sull’intera umanità; anzi egli viene subito perdonato da Allah che ne fa il suo primo vicario in terra e il primo profeta dell’umanità.

Share

Meet The Author

 Nonostante il gran parlare che si fa oggi nel bene e nel male del mondo musulmano, nonostante almeno due secoli di studi islamologici è facile constatare come siano ancora troppe le persone, anche tra gli intellettuali, a digiuno persino di nozioni elementari concernenti l’Islam, il suo Profeta e il suo libro sacro per eccellenza, il Corano. Questo antico testo brulica letteralmente di personaggi biblici, dai grandi profeti di Israele sino a Giovanni Battista e Gesù. Adamo è un’altra figura biblica riciclata nel Corano in modalità piuttosto originali: peccatore sì, ma il suo peccato non ricade sull’intera umanità; anzi egli viene subito perdonato da Allah che ne fa il suo primo vicario in terra e il primo profeta dell’umanità. Attraverso i brevi saggi raccolti in questo volume – che tratteggiano l’antropologia coranica, dal primo uomo sino all’homo islamicus – si intende dare un contributo a una migliore conoscenza del verbo predicato dal Profeta della Mecca ormai quattordici secoli fa. Una eredità spirituale che, sin da poco dopo la scomparsa di Maometto, doveva suscitare la curiosità o l’ostilità e comunque l’interesse di tanti dottori e santi della cristianità, da S. Giovanni Damasceno (VIII sec.) a S. Francesco e S. Tommaso, in piena epoca delle Crociate. Un interesse che verrà nuovamente ridestato dal nuovo clima creatosi nel secondo dopoguerra, più favorevole al dialogo interreligioso, a partire dai documenti finali del Concilio Vaticano II, che per la prima volta riconoscevano nei musulmani degli autentici “credenti” nell’unico Dio, portatori di “valori morali” e possibili compagni di strada nella lotta per “la giustizia sociale e la pace 

Peso 300 g
Dimensioni 240 × 170 × 3 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Adam, l’uomo nel Terzo Testamento. Dal primo uomo all’homo islamicus. Letture coraniche III”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may also like…